22 Marzo 2019


Rinnovare balcone e giardino con fiori e piante

Gli errori da non commettere nel piantare fiori e piante

Oggi ho il piacere di ospitare all’interno del mio blog Silvia, fiorista e giardiniera esperta nonché autrice del blog Silviadeifiori. Leggete tutti i suoi consigli per rinnovare giardino e balconi con fiori e piante!

 
La Primavera è il risveglio della natura! La mia stagione! Tutti mi conoscono come Silviadeifiori e dunque chi come me vive nel mondo dei fiori non può non trovare in questa stagione la massima espressione del suo lavoro e della sua passione.

Ma non serve essere dei professionisti per vivere la natura, come non serve avere la fortuna di vivere in campagne sconfinate per affondare le mani tra i fiori o in un vaso di terra per dar vita alla natura.

Che sia un’aiuola, che sia un balconcino o un terrazzo, possiamo immergerci nello spirito della natura e dar vita a piccoli giardini o piccoli orti urbani.

Il ritorno ad attività manuali è probabilmente dettato dalla frenesia della vita di oggi che va davvero veloce e ci costringe a ritmi serratissimi, ma oltre ad un grande potere anti stress e rilassante, vogliamo mettere la soddisfazione che proveremo nel vedere fiorire un arbusto o degustare i pomodorini del nostro mini orto urbano? L’autostima ringrazierà!

Di seguito alcuni “must have”.

L’esposizione. Il sole è vita, dunque su questo punto non ci sono alternative: il sole ci deve essere. L’ ideale sarebbe l’esposizione soleggiata, anche solo mezza giornata, se fosse la mattina sarebbe perfetto.
Lo spazio. Vi stupirete nello scoprire che ne basta pochissimo! Io ho optato per l’orto verticale: ho semplicemente appeso vasi di coccio contenuti in cassette di legno supportate da staffe. Da buona esteta ho unito utilità a bellezza: in questo modo ho potuto creare una vista bucolica dalla portafinestra del balcone!

Un piccolo spunto in più: per un effetto leggermente “country” potrete pitturare le cassette con colori o pastello molto tenui o più forti a seconda dello stile della vostra casa.

I vasi dovranno essere piuttosto profondi (almeno 20 cm per piantine aromatiche e sempre più profondi per tuberi come ad esempio le carote) ed avere appositi fori per non creare ristagni d’acqua che, oltre a non far bene alle vostre piccole coltivazioni, potrebbero rivelarsi zone di produzioni zanzare nel periodo estivo.

Procuratevi il materiale necessario: terra, sementi, concime, oltre ad una piccola attrezzatura tecnica.

 

Alla base dei vasi prevedete sempre un po’ argilla espansa e utilizzate come base del terriccio universale.

Per la scelta di piantine e fiori iniziamo con qualcosa di semplice come basilico, pomodori, fiori come aster, campanule. Prevedete sempre dei vasetti a parte per Ederina variegata o qualche succulenta cascante: completeranno a livello estetico il vostro giardino urbano.

Se avete un terrazzo e un po’ di spazio in più, suggerisco un’altra cosa che amo. In una vasca profonda circa 40 cm e abbastanza ampia appoggiate i vasi con le vostre piante e seminate tutto intorno del prato resistente come quello Inflora che si trova nei punti vendita MD. L’effetto ottenuto è davvero grazioso!

Per innaffiare: dipende dalle piante o dai fiori ma non esagerate ed attenetevi alle istruzioni che troverete nelle sementi. Come orario è meglio il tardo pomeriggio e comunque lontano dalle ore in cui batte il sole.

Se optate come me per la versione a sviluppo verticale è ideale è creare cascate di colore! Sono perfette le campanule multicolore della linea di sementi Inflora MD, piante fiorite semplici e molto scenografiche: per noi giardinieri urbani una vera ventata di campagna!

Quest’anno gli ortaggi principali del mio orticello saranno i pomodori, colorati e profumatissimi. Li alternerò a vasetti di basilico e cascate di campanule, immagino l’effetto nel mio orto verticale … ed è subito allegria! Non mi resta che iniziare, quindi, buon divertimento a me e a tutti voi!

 

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti è piaciuto questo articolo? Dai un'occhiata qui...